• Italiano

Il mese scorso, insieme a tutta la comunità globale dei partner Microsoft, gli esperti del team di innovazione di NAV-lab hanno preso parte all’edizione 2020 di Inspire, l’evento annuale che riunisce negli Stati Uniti i rappresentanti di migliaia di aziende di sviluppo software e consulenza di tutto il mondo.

Questa volta, per le ragioni che possiamo immaginare, Inspire ha scelto una piattaforma interamente virtuale – Microsoft Teams – per organizzare discorsi, dibattiti e incontri.

In un anno così particolare, mentre gli Stati Uniti e tante altre nazioni sono ancora alle prese con drastiche misure di contenimento del rischio Covid-19, Microsoft ha voluto lanciare un messaggio preciso a tutte le realtà aziendali e professionali: questo momento di crisi, di impianti di produzione bloccati, di pesanti limitazioni al nostro abituale sistema di relazioni e contatti, grazie alla tecnologia può diventare una formidabile opportunità di trasformazione di tutto il lavoro in senso digitale.

Un cambiamento irreversibile, che deve coinvolgere l’intero sistema della distribuzione, produzione e dei servizi.

Un obiettivo, quest’ultimo, ancora più raggiungibile in un ecosistema di applicazioni e infrastrutture cloud come quello che Microsoft ha saputo costruire nel corso del tempo con il cloud di Azure, gli applicativi di Microsoft 365 e con Dynamics 365 Business Central, l’ERP di nuova generazione che NAV-lab ha ulteriormente personalizzato e adattato alle esigenze dell’impresa italiana con il suo gestionale Tempo Zero Cloud. Quella di Inspire è stata una brillante dimostrazione di forza. Il top management di Microsoft, primo tra tutti il CEO Satya Nadella, è intervenuto con “keynote” e presentazioni da uno studio televisivo. Ma tantissimi partecipanti venivano inquadrati chi nel loro ufficio, chi nello studio o nel soggiorno di casa, chi in mobilità tramite smartphone. Paradossalmente, nessun evento fisico avrebbe mai potuto registrare una partecipazione tanto estesa.

Nei giorni di Inspire il sistema di videocomunicazione e collaborazione Microsoft Teams ha ricevuto una consacrazione definitiva. Lo strumento che oggi vanta 75 milioni di utenti attivi al giorno, per un ammontare di 4 miliardi di minuti di meeting virtuali, diventerà il centro nevralgico dello smartworking secondo Microsoft. In altre parole Teams sarà la finestra d’accesso privilegiata all’infrastruttura di Azure e ai servizi di Microsoft 365, integrerà i calendari e le agende del lavoro, permetterà di accedere a tutti gli strumenti applicativi dell’ecosistema. Lo stesso ERP Microsoft Dynamics 365 Business Central verrà integrato in Teams e verrà potenziato con l’uso delle interfacce vocali, col riconoscimento del linguaggio naturale e con tanti assistenti e robot digitali basati su Intelligenza Artificiale, in grado di rendere sempre più automatico il lavoro offrendo suggerimenti e supporto alle decisioni di business attraverso la costante elaborazione statistica delle informazioni sullo stato dell’azienda e delle sue vendite e acquisti, sulla contabilità, il magazzino, le linee produttive.

Inspire ha ribadito al mondo dei partner Microsoft i fondamenti di questa vision digitale. Azure come base infrastrutturale, sicura e completamente virtualizzata. Microsoft 365 *- non più Office 365 – come arsenale di applicazioni per la produttività personale, il lavoro di squadra, la comunicazione. *Tutta la piattaforma Microsoft Power, che oggi diventa ancora più utile grazie a un quarto componente.

Dopo i potenti strumenti di analisi e business intelligence di Power BI – una delle armi segrete della gestione basata su Microsoft Business Central; lo sviluppo semplificato di app mobili di Power Apps; e il linguaggio grafico per l’automazione dei flussi di lavoro di Power Automate (nuova denominazione di Microsoft Flow), sarà la volta di Power Agent, il sistema per la creazione facilitata degli assistenti digitali che le aziende potranno mettere al servizio dei propri collaboratori e dei clienti finali per risparmiare tempo e complicazioni.

I cambiamenti riguarderanno anche NAV-lab e le sue soluzioni.

Il lavoro di integrazione in Microsoft Teams, per esempio, potrà coinvolgere gli strumenti gestionali di Microsoft Business Central e Tempo Zero Cloud, strumenti che saranno accessibili in modo guidato e automatico in funzione del processo o dell’attività da svolgere, senza che l’utente debba più sforzarsi di individuare la procedura giusta.

La finestra di controllo di Teams potrà contenere anche i “bot”, gli assistenti, che guideranno gli utilizzatori nello svolgimento del loro lavoro amministrativo, così come nelle attività che riguardano la produzione di beni fisici o servizi.

Un lavoro sempre più smart, indipendente dal luogo in cui ci troviamo, protetto dai rischi del malware e dagli attacchi degli hackers, per una produttività ancora più marcata.

Il consorzio NAV-lab è il partner più indicato per il mondo della piccola e media impresa italiana affamata di cambiamento. Un mondo che vuole ripartire nel dopo Covid con nuove idee, nuovi obiettivi e soprattutto con nuove modalità digitali.

Trent’anni di esperienza e familiarità con le tecnologie Microsoft accumulati dalle società che fanno parte di questa alleanza sono il presupposto di un’azione efficace con le imprese del Made in Italy (nazione dove la stessa Microsoft ha recentemente investito un miliardo di euro per potenziare Azure con nuovi data center locali e offrire nuove soluzioni in lingua italiana).

Mettiti subito in contatto con i nostri consulenti per conoscere gli strumenti che Microsoft e NAV-lab sono in grado di offrirti per la gestione della tua azienda digitale a prova di crisi e di futuro!

NR VERDE 800701170
info@navlab.it